Categories: Information IT

Author

Baumann Sideloaders Admin

Share

3,6 min read

Author

Baumann Sideloaders Admin

Share

“Rapporti sulla mia morte sono stati grandemente esagerati.”

Bene, è così che Mark Twain avrebbe dovuto rispondere alle presunte necrologie, ma come accade spesso con le citazioni ampiamente ripetute, sembra che la citazione stessa sia un’esagerazione.

Tuttavia, possiamo prenderla come ispirazione per la nostra rapida analisi dei carrelli elevatori laterali e del loro futuro.
Da quando è stata introdotta la controbilancia, seguita dall’avvento delle macchine multidirezionali e dalla consolidazione dei produttori in un mercato che per alcuni è di “nicchia”, la fine del carrello laterale è stata ampiamente prevista.

Almeno, così si potrebbe pensare. La verità è che, rispetto ai carrelli elevatori, il mercato dei carrelli elevatori laterali è sempre stato modesto e come si può prevedere un mercato in contrazione in un settore difficile da quantificare?

Per Baumann, almeno, il futuro non è mai stato così luminoso. Le vendite sono ai livelli record. Nuovi mercati stanno emergendo in Nord America, Asia e Australasia, e i camion stanno diventando sempre più intelligenti, puliti e capaci.

La macchina è stata sviluppata con l’industria del legno in mente, ed è ancora estremamente popolare, ma l’aumento degli utenti di acciaio, in particolare gli azionisti che vogliono massimizzare la loro capacità di stoccaggio senza ricorrere a gru aeree, ha ampliato gli orizzonti del carrello laterale.

Allo stesso modo, il calcestruzzo prefabbricato è stato anche un mercato in crescita, e l’espansione rapida e i progressi tecnologici di questo settore hanno visto una crescita della domanda per carichi amichevoli per i carrelli elevatori laterali come tubi, travi, pannelli murali, scale, pavimenti e colonne.

I carrelli elevatori laterali si sono spostati anche in mercati più nuovi, poiché le capacità e le prestazioni sono aumentate. All’interno di quei settori di metalli e legno, la capacità di movimentare carichi più o più pesanti ha spinto lo sviluppo di macchine a maggiore capacità. Questo è un trend che sicuramente continuerà.
Baumann sideloader factory in Cavaion
Abbiamo spesso detto, e lo diciamo ancora, che il futuro è elettrico. Questo sta diventando quasi vecchio, poiché oltre l’85% dei nostri ordini sono per modelli alimentati a batteria.

Più di due anni fa il nostro direttore generale, Klaus Pirpamer, vedeva già le ragioni per cui:
“La prestazione odierna è ancora migliore del camion diesel equivalente, soprattutto in termini di velocità di sollevamento e guida. La durata della batteria è oggi facilmente sufficiente per coprire un turno completo con normali schemi di ricarica. Sentiamo ancora i conducenti che dicono che non sono abbastanza veloci e non si comportano così bene come un camion diesel, ma ogni volta che facciamo una gara, il camion elettrico vince, molto alla sorpresa del conducente! In quel periodo stavamo assistendo a uno sviluppo nella tecnologia della batteria, della ricarica e del motore, ma anche nella capacità di sollevamento e nelle opzioni.

Da 3 a 8 tonnellate, se confrontiamo il costo, la prestazione e il servizio post-vendita, semplicemente non c’è motivo di non scegliere l’elettrico.

“Hai il problema delle emissioni”, ha aggiunto Klaus, “il conducente ha un ambiente migliore e il costo è persino migliore del diesel. In definitiva, non ci sono molte ragioni per cui gli operatori devono ancora acquistare un camion diesel”. Avanzando velocemente oltre una pandemia globale, un conflitto in Ucraina e una crisi globale di approvvigionamento, la tendenza continua, grazie forse alle diffuse preoccupazioni energetiche e ai clienti attenti ai costi.

“Esistono altre tecnologie là fuori”, afferma Mark Bann di Baumann UK, facendo riferimento alla cella a combustibile a idrogeno sviluppata da Baumann negli anni Zero, “e forse l’infrastruttura si adeguerà e permetterà la proliferazione, ma la tecnologia della batteria al piombo è provata”.

La fiera LogiMAT del 2022 a Stoccarda ha offerto un’idea del pensiero dei produttori durante questo periodo di perturbazioni. Due tecnologie si sono distinte – l’alimentazione a batteria al litio e l’automazione. Come influiranno queste sul mercato dei trasportatori laterali? L’alimentazione a litio è più facile da prevedere. È impossibile ignorarla ed è ora un’opzione in gran parte del settore della movimentazione dei materiali.

Il grande vantaggio del litio sta nel permettere la “ricarica di opportunità”, ma i detrattori ne indicano i costi di acquisto più elevati e le elevate richieste sull’alimentazione dell’utente. Si potrebbe sostenere che le lievi differenze nell’uso dei trasportatori laterali, le capacità della macchina Baumann a 120v oggi e la storia di successo dell’uso della batteria al piombo finora hanno ridotto la domanda di litio nel settore. Forse, tuttavia, questa è una situazione temporanea.